“Mi sembra che si respiri un clima di grande collaborazione, di grande fiducia. Ormai siamo allo scatto finale, e da parte mia c’è un cauto ottimismo, ovvero un ottimismo consapevole e intelligente”. Il vicepresidente della Giunta regionale della Campania, Fulvio Bonavitacola, ha presenziato stamane a Palazzo Santa Lucia a Napoli all’ultima riunione della Cabina di coordinamento con gli Enti Locali per gli assestamenti finali al programma delle attività in vista dell’Universiade estiva di luglio, aggiungendo: “Non ci sono cancellazioni di impianti, soltanto un’articolazione della fase esecutiva, per alcuni interventi che inizieranno in vista dell’Universiade ma non saranno completati in tutto per l’evento, saranno utilizzabili in parte. Attualmente – ha proseguito Bonavitacola – abbiamo interventi in circa 60 impianti su tutto il territorio regionale. Si sono fatti passi importanti e i lavori sono a buon punto”. Il commissario straordinario di Napoli2019, Gianluca Basile, ha affermato che “superata la fase degli interventi agli impianti, dove la Regione Campania ha stanziato 127 milioni di euro, che vanno ad aggiungersi ai 129 milioni impegnati per il settore beni e servizi, è necessario concentrarsi sulla fase della promozione”. Basile ha sottolineato al riguardo la preziosa collaborazione che potrà arrivare anche dagli enti locali, con eventi e manifestazioni da programmare sul territorio, per mettere in vetrina le bellezze della Campania, ricordando che per questo specifico intervento sono stati appostati 2 milioni di euro. Il commissario straordinario ha parlato poi della “proficua collaborazione” con l’Anac, parole condivise dal rappresentante dell’Autorità anticorruzione, Tommaso Luongo,  intervenuto alla riunione di stamane: “Ad un anno circa dall’accordo tra l’Anac e il Comitato organizzatore Napoli 2019 abbiamo espresso – ha detto – 200 pareri preventivi di legittimità. La vigilanza è molto attiva e molto recepita dal Comitato organizzatore”. Sul tema il presidente del Cusi, Lorenzo Lentini, ha affermato: “Per il clima che c’è stato nella realizzazione di questa manifestazione sul piano della legalità abbiamo già vinto”. Anche Lentini ha rivolto poi un invito ai tanti sindaci presenti alla Cabina di coordinamento di stamane: “Chiediamo a tutti una mano affinchè si faccia uscire l’identità del Sud, per dimostrare al mondo intero la nostra forza e le nostre bellezze”. Il questore di Napoli, Antonio De Iesu, ha parlato dell’Universiade in chiave di ordine e sicurezza pubblica: “una grande sfida – ha detto – dove non si potrà sbagliare nulla. Abbiamo iniziato un lavoro di pianificazione e di valutazione dei rischi. Stiamo lavorando alacramente”, ha assicurato. Infine, Fulvio Bonavitacola, nel ricordare il valore della manifestazione, per il messaggio di solidarietà, di incontro tra culture diverse (“valori particolarmente importanti in un momento storico in cui si innalzano muri e divisioni”), ha tenuto a sottolineare il valore aggiunto che l’Universiade può rappresentare soprattutto per le nuove generazioni: “dovranno essere vissute anche come un inizio di applicazione alla vita per i nostri ragazzi: come da noi in questi mesi sono arrivate professionalità formatesi durante le Olimpiadi invernali di Torino, così l’esperienza formativa che matureranno tanti tirocinanti e volontari campani durante l’Universiade di luglio (evento unico e raro non solo per la Campania ma per l’Italia) potrà rappresentare per molti un bagaglio formativo da poter spendere nel mondo lavorativo, in Italia e all’estero. Ecco perché non vogliamo un’Universiade arrangiata, ma straordinaria”.