Firmato l’accordo tra l’Universiade Napoli 2019 e Amesci per la selezione, formazione e gestione dei volontari da utilizzare durante la manifestazione di luglio.

Protagonista delle politiche giovanili che promuovono l’empowerment delle nuove generazioni, Amesci realizza in tutta Italia attività formative, progettuali e di networking per aiutare i giovani nello sviluppo delle loro professionalità. 23.350 i giovani che hanno partecipato ai progetti di Servizio civile, una delle linee di azione più significative realizzate da Amesci.

“Per noi è un grande onore essere parte attiva nell’Universiade 2019 per l’importanza che l’evento riveste per la nostra Regione – dice Enrico Maria Borrelli, presidente di Amesci -. Alle migliaia di giovani volontari impegnati ad accogliere e supportare i partecipanti all’Universiade si offrirà quindi la possibilità di vivere una splendida esperienza, che noi, insieme agli organizzatori, puntiamo ad arricchire con contenuti formativi volti all’accrescimento delle competenze e finalizzati a un’ulteriore maturazione dei ragazzi”.

La macchina organizzativa di Napoli 2019 avrà necessità di una massiccia dotazione di volontari che, dopo alcune sessioni di training, saranno coinvolti in diverse attività: accrediti, desk nei Villaggi Atleti, accoglienza delle Delegazioni, presenza negli impianti di gara, marketing e social media, protocollo e relazioni internazionali. L’impegno minimo richiesto è di 5-6 giorni a settimana per turni di circa 6-8 ore ed è previsto un rimborso spese di 25 euro al giorno oltre ai ticket pranzo e all’abbonamento al trasporto pubblico regionale.